Artrite reumatoide

Artrite reumatoide: i rimedi naturali a casa tua

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica (una malattia autoimmune) che colpisce di solito il rivestimento delle articolazioni più piccole.  La buona notizia è che si può curare a casa avendo degli ottimi risultati.

Chi colpisce l’artrite reumatoide?

Perché si definisce malattia autoimmune?

Effetto curativo della dieta

11 cose da fare a casa

 

donna e madre con artrite reumatoide e riflessologia plantare

Alcune esperienze di persone che ne sono completamente guarite o hanno alleviato di tanto i sintomi sono state per me un incoraggiamento a saperne di più ed a diffondere queste notizie.

Desidero condividere con te in questo articolo tutto quello che ho imparato. Leggilo per il bene tuo e dei tuoi cari, siano essi il figlio che ami o tuo marito.

Per renderti il più piacevole possibile questa  lettura e per l’importanza delle informazioni, ho diviso questo post in più sezioni e paragrafi. Così sarà tutto più semplice.

Buona lettura!

lorenzo naldi naturopati a napoli

Se ti piacerà, condividi con i tuoi cari questo articolo cliccando sui bottoni “social” che trovi di seguito.

Grazie!

Come si cura in modo naturale?

Per alleviare la sintomatologia legata all’artrite reumatoide, ed addirittura accompagnare le cure che stai facendo fin verso la guarigione, applica a casa tua i semplici rimedi naturali ed i consigli descritti di seguito.

Naturopatia ed Artrite reumatoide

In alcuni casi l’artrite che inizialmente colpisce solo le dita, a volte con il tempo può anche influenzare ginocchia, caviglie, gomiti, fianchi e spalle; solo in casi più gravi può provocare l’erosione ossea ed alcune deformità articolari.

Chi interessa principalmente?

Dati statistici riscontrano che è più comune nelle donne che negli uomini (ma è altrettanto risaputo che ne guariscono in proporzione più donne che uomini). Di solito è diagnosticata in persone con più di 40 anni, tuttavia gli adulti più giovani e anche i bambini se ne possono ammalare. Altri fattori di rischio includono una storia familiare, i fattori ambientali come il fumo, lunghi periodi di super lavoro o stress mentale, l’esposizione al minerale di silice.

Artrite reumatoide e dolori articolari con la riflessologia plantare a Napoli

Perchè si definisce malattia autoimmune?

L’artrite reumatoide si definisce una malattia autoimmune perchè il sistema immunitario attacca erroneamente il rivestimento delle membrane che circondano le articolazioni sinoviali. Non è noto ciò che dà inizio a questo processo. I sintomi vanno e vengono quando i tessuti del corpo sono infiammati.

La malattia è attiva e porta a sintomi quali dolori muscolari e articolari gonfiore, rigidità mattutina e stanchezza cronica. Quando l’infiammazione dei tessuti si abbassa la malattia è inattiva ed i sintomi sembrano andare via.

Artrite reumatoide Rimedi omeopatici e fitoterapici in Naturopatia

Utilità della dieta e del digiuno terapeutico

Sebbene non esista una unica cura specifica nota per l’artrite reumatoide, alcuni fito-farmaci così come molti rimedi naturali anche domestici, sono riusciti ad alleviare di molto i sintomi e a dare un sollievo. In alcuni casi, trattati ad esempio nelle cliniche USA dove si pratica la digiuno-terapia, c’è stata perfino la remissione completa della malattia.

Già nei primi decenni dello scorso secolo questo capitava, come testimoniano eminenti medici del calibro di Robert Shelton nel libro “Il digiuno può salvarvi la vita”.

11 rimedi naturali

Il risultato di questi consigli è proporzionale al numero di strumenti che utilizzerai contemporaneamente. Parlane col tuo medico e se lo ritieni opportuno stimola così il tuo sistema immunitario adottando più rimedi che puoi, anche nella stessa giornata. 

1. Esercizio fisico dolce

Artrite reumatoide e esercizio fisico

L’esercizio fisico dolce e regolare, è uno dei primi aspetti da considerare. E’ necessario praticarlo per combattere i sintomi dell’artrite reumatoide. L’esercizio può contribuire a ridurre la fatica rafforzando i muscoli e aumentando la gamma dei movimenti. Inoltre si riduce il rischio di osteoporosi in via di sviluppo ed aiuta a combattere la depressione che può affliggere chiunque senza preavviso.

Come fare: 3 tipi di esercizi

  • moto leggero (es. Walking): questo dovrebbe essere fatto per almeno 30 minuti al giorno;
  • esercizi di rafforzamento (es. flessioni): fatti a corpo libero due volte a settimana;
  • resistenza cardio aerobica: esercizi fatti per almeno 30 minuti tre volte a settimana.

Chiedere comunque prima al proprio medico curante e se necessario consultare un esperto per essere seguiti sul come avviare un programma di esercizio o quali tipi di esercizi fare e quali invece saranno da evitare.

2. Impacchi caldi e freddi

imoacchi freddi per artrite reumatoide

Alternare impacchi caldi e freddi può contribuire ad affrontare meglio i sintomi dell’artrite reumatoide. Mentre un impacco caldo riduce il dolore rilassando i muscoli e le articolazioni doloranti, un impacco freddo farà alleviare il dolore inducendo la riduzione del gonfiore e l’infiammazione.

Come fare:

Avvolgere una borsa di acqua calda in un asciugamano per l’impacco caldo, in alternativa avvolgere alcuni cubetti di ghiaccio in un asciugamano sottile per l’impacco freddo. Posizionare la compressa calda sulla zona colpita per circa 3 minuti dopodiché rimuoverlo mettervi subito l’impacco freddo al suo posto per circa 1 minuto. Ripetere il processo per 15/20 minuti un paio di volte al giorno fino ad ottenerne sollievo. Inoltre è possibile utilizzare questi impacchi separatamente.  Evitare impacchi caldi se l’area interessata è di colore rosso caldo e irritato, viceversa non usare la terapia del freddo in caso di problemi circolatori.

3. Olio di pesce

Olio di pesce in capsule per la cura dell'artrite reumatoide
Olio di pesce ricco di Omega 3

Diversi studi dimostrano che l’olio di pesce aiuta anche a ridurre il dolore e la rigidità che causa l’artrite reumatoide. L’olio di pesce  contiene acidi grassi omega-3 EPA che hanno un effetto antinfiammatorio sul corpo e può aiutare a ridurre il dolore. Inoltre L’olio di pesce (anche grazie a questi acidi grassi omega-3) aiuta a proteggere contro le malattie cardiache che le persone con artrite reumatoide hanno un rischio maggiore di sviluppare.

Come fare:

Prendere fino a 2,6 g di olio di pesce con almeno il 30% di EPA due volte al giorno. Includere anche i pesci di acqua fredda come il tonno ed il salmone nella vostra dieta (freschi e possibilmente di origine controllata per evitare contaminazioni da mercurio). Consultare sempre prima il proprio medico curante prima di assumere integratori di olio di pesce in quanto potrebbero interferire con alcuni farmaci.

4. Curcuma

La curcuma fresca cura l'artrite reumatoide
Curcuma fresca ed in polvere

Per aiutare a combattere i sintomi della AR è possibile utilizzare la curcuma. La curcumina è il principio attivo della curcuma e contiene proprietà anti-infiammatorie, anti artritiche, potenti. Queste proprietà naturali funzionano molto meglio dei farmaci antinfiammatori chimici non steroidei (i “fans”). La curcuma può prevenire l’infiammazione delle articolazioni bloccando alcuni enzimi e cellule citochine che causano l’infiammazione.

Come fare:

Portare un quarto di acqua ad ebollizione, aggiungere un cucchiaio di curcuma biologica in polvere e far bollire per altri 10 minuti. Lasciare raffreddare il composto e bere una o due volte al giorno. In alternativa (se non se ne ha il tempo) si può prendere delle capsule da 500 a 1000 mg di curcuma tre volte al giorno sempre previo consulto col medico curante. In cucina e nella dieta si può anche aggiungere la polvere di curcuma nella vostra cucina quotidiana per ulteriori e svariati vantaggi a più ampio spettro. Evitare però sempre alte dosi di Curcuma la quale può agire come un anticoagulante e causare mal di stomaco.

5. Aceto di mele bio

aceto di mele per l'artrite reumatoide
Aceto di mele biologico

L’aceto di mele è anche molto efficace nel fornire sollievo da molti dei sintomi dell’artrite reumatoide. Essendo ricco di minerali come calcio, magnesio, potassio e fosforo, aiuta a ridurre il dolore dell’infiammazione.

Come fare:

aggiungere un cucchiaio di aceto di mela non filtrato crudo e 1 cucchiaino di miele in 1 o 2 tazze di acqua calda bere una volta al giorno prima dei pasti; è inoltre possibile applicare un po’ di aceto di mele nell’area interessata.

6. Olio di ricino

Olio di ricino per l'artrite reumatoide
Olio di ricino naturale

Come fare:

Massaggio con olio di ricino caldo sulla zona interessata ed infine avvolgere la zona con un panno di cotone e coprire con materiale plastico impermeabile (es. carta oleata per alimenti). Fate questo ogni giorno prima di andare a letto.

7. Aglio

Capsule di aglio biologico per l'artrite reumatoide
Aglio in capsule o da assumere fresco

Grazie alle sue forti proprietà antinfiammatorie l’aglio è anche fortemente raccomandato per il trattamento dell’artrite reumatoide. L’aglio inibisce la produzione di sostanze pro-infiammatorie note come citochine ed aiuta a ridurre il dolore e il gonfiore. Inoltre inibisce la formazione di radicali liberi che possono causare danno articolare e promuove un sistema immunitario sano. Per i pazienti con artrite reumatoide è consigliabile aglio crudo biologico e fresco.

Come fare:

mangiare uno o due spicchi d’aglio crudo al giorno come se fossero delle compresse. Per semplificarne la deglutizione si  consiglia di spezzettarlo in un cucchiaio ed assumerlo bevendo un bicchiere di acqua (controllando che l’acqua abbia negli ingredienti segnati in bottiglia un coefficiente chimico PH alla fonte tra 6.7 e 7.5). In alternativa, quando proprio non si riesce ad assumerlo crudo per eventuale gastrite in atto, si potrebbe anche prendere comprare delle capsule di aglio di buona qualità chiedendo un consiglio in un erboristeria. Per un corretto dosaggio consultare il proprio medico curante.

 

8. Sale di epsom

Sale di epsom ed artrite reumatoide
Le diverse qualità di sale nel mondo

Il sale di epsom (è anche noto come sale inglese o sale amaro. Vedi epsomite | chimicamente è magnesio solfato eptaidrato; reperibile in natura o prodotto artificialmente). Anch’esso è considerato un buon rimedio per alleviare il dolore da artrite reumatoide ed il gonfiore. Essendo una buona fonte di magnesio, il sale di epsom regola i livelli di pH nel corpo abbassando nel sangue l’acidità che danneggia le articolazioni e causa bruciore. Questo a sua volta riduce la rigidità, l’infiammazione e il dolore alle articolazioni; inoltre aiuta nella mineralizzazione dell’osso.

Come fare:

Aggiungere due tazze di sale epsom per una vasca da bagno di acqua calda immergetevi in questo bagno caldo per 30 minuti (temperatura tenuta a 37°- 45° | Ricorda che usare il polso invece delle dita per testare la temperatura dell’acqua ti darà un’idea del calore dell’acqua pari a quando immergerai il tuo corpo). Entra nella vasca quando è piena a metà. In questo modo puoi regolare meglio la temperatura in base alle tue preferenze)  Fate questo fino a tre volte ogni settimana.

9. Zenzero

Zenzero e limone per l'artrite reumatoide
Tisana di Zenzero e limone biologico

Lo zenzero (anche conosciuto col termine inglese ginger) è stato utilizzato e sperimentato con successo negli scorsi secoli per il trattamento di malattie infiammatorie come l’artrite reumatoide. Il ginger o un composto a base di zenzero ha proprietà antinfiammatorie naturali che aiutano a ridurre il dolore, l’infiammazione e il gonfiore.

Come fare:

Strofinare un po’ di olio di zenzero sulla zona interessata poi esporre la zona interessata al sole per 5 a 10 minuti per generare calore, effettuare questa operazione su base regolare. Masticare alcune fette di zenzero fresco tutti i giorni, aggiungere zenzero nei vostri alimenti o bere due o tre tazze di tisana allo zenzero al giorno.

10. Automassaggio di Riflessologia plantare

Naturopatia: Automassaggio ai piedi
Automassaggio

Se fatto correttamente, il massaggio di riflessologia plantare può rilassare i muscoli rigidi, stimolare la produzione di endorfine (antidolorifici naturali) e perciò fornire sollievo dal dolore causato dall’artrite reumatoide. Il massaggio anche stimola la circolazione del sangue che migliorando il trasporto ed il drenaggio delle sostanze è importante per alleviare il disagio avvertito durante l’infiammazione.

Come fare un massaggio locale:

Aggiungere 10 g di canfora ad 1 tazza di olio di senape e riscaldare fino a quando la canfora si scioglie completamente. Lasciare che l’olio si raffreddi e poi usarlo per massaggiare la zona interessata con movimenti delicati; è inoltre possibile aggiungere qualche goccia di olio di lavanda con un po’ di olio di oliva caldo e usarlo per massaggiare la zona interessata con movimenti delicati. E’ possibile massaggiare la zona interessata due o tre volte al giorno per pochi minuti ogni volta. ATTENZIONE: se si sentono le articolazioni ed i muscoli troppo doloranti evitare il massaggio locale sostituendolo con il massaggio ai piedi (manovra di riflessologia plantare in auto massaggio oppure chiedendolo ad un tuo famigliare).

Come fare un massaggio di Riflessologia plantare:

auto massaggio per artrite reumatoide

Per questa descrizione, per essere il più efficaci possibile, guardare le zone da trattare dolcemente nella sezione dedicata alla fine di questo articolo.

11. Olio di enotera

L’olio di enotera è una sorta di olio vegetale che può contribuire a ridurre il dolore e la rigidità mattutina. L’olio di questa pianta contiene un acido grasso essenziale chiamato acido gamma linolenico che aiuta a ridurre l’intensità dei sintomi. Queste proprietà antinfiammatorie risultano molto utili per il trattamento dell’artrite reumatoide. L’uso di questo supplemento in maniera abituale per un periodo di 6 mesi aiuta a migliorare la malattia, manifestandosi meno dolori nelle articolazioni e una maggior flessibilità delle stesse.

Come assumerlo per uso interno:

Studi realizzati negli Stati Uniti applicarono dosi di 2,5 g di Acido Gamma Linoleico al giorno durante un periodo di 6 mesi. In questo studio si è dimostrato che i pazienti presentavano meno dolore e che le articolazioni si trovavano meno infiammate. Le dosi abituali che è normale prendere in casi di normalità, sono di circa 350 mg al giorno di A.G.L., ripartite in due o tre volte con i pasti.

Suggerimenti per combattere l’artrite reumatoide

  1. Almeno una volta al giorno muovere le articolazioni colpite attraverso la loro gamma completa di movimento tuttavia non esagerare o può causare dolore;
  2. evitare situazioni che potrebbero sforzare le articolazioni; imparare ad usare le parti del corpo in modo corretto, riduce lo stress sulle articolazioni;
  3. utilizzare strumenti e dispositivi per svolgere i compiti e le attività quotidiane con facilità e nel minor tempo
  4. ogni volta che si sente il bisogno evitare di tenere le articolazioni colpite nella stessa posizione per troppo tempo
  5. durante il lavoro assicuratevi di prendere una breve pausa ogni ora
  6. se siete in sovrappeso perdere peso aiuterà le articolazioni e a sentirsi meglio
  7. seguire una dieta sana assicurandosi di assumere dagli alimenti biologici e naturali (meglio se freschi ed a crudo o cotti il meno possibile) tutti questi oligoelementi: vitamina D, vitamina C, Ferro, calcio, potassio, magnesio, acidi grassi Omega 3;
  8. smettere di fumare per ridurre il rischio di complicanze per l’artrite reumatoide
  9. smettere di bere alcolici e bibite gassate dolci, in quanto l’acidità che nel sangue verrà prodotta da queste bevande malefiche, potrebbe peggiorare la sua condizione;
  10. mantenere un atteggiamento positivo e pensieri creativi per distrarre il cervello a non concentrarsi sul sentire dolore;
  11. iscriviti o segui su internet un canale o frequenta un circolo di teatro per ridere anche di gusto al fine di rafforzare il tuo sistema immunitario e aumentare la capacità di gestire il dolore;
  12. mangiare un paio di ciliegie surgelate o fresche su base giornaliera;

 

artrite reumatoide in donna giovane e ragazza

Prima di andare a letto

  • fare un bagno caldo o una doccia in acqua calda per 10 o 15 minuti prima di andare a letto per godere di sonno più profondo
  • assumere il composto specifico di Melatonina-Zinco-Selenio (vedi dott. Pierpaoli) per riposare meglio aiutando il lavoro della ghiandola Epifisi e rispettare i ritmi circadiani di sonno e veglia dormendo presto prima delle 23 e svegliandosi dopo aver dormito 7 od otto ore ( non di più e non di meno);
  • bere tisane antinfiammatorie;
  • tecniche come la respirazione profonda, ed il rilassamento muscolare possono essere utilizzati per controllare il dolore e prendere favorire il sonno;
  • provare La Riflessologia plantare e l’Agopuntura per ridurre il dolore e aiutare il vostro corpo rilassarsi meglio.

RIFLESSOLOGIA PLANTARE : massaggio per l’Artrite Reumatoide

Trattamento attraverso le zone riflesse del piede

Punti da studiare nel trattare l'Artrite reumatoide

Ciò che faremo interessare  nella riflessologia plantare per la schiena sono: il rachide cervicale o collo, la zona intera della schiena, le spalle, ma anche braccia e mani. Un trattamento completo efficace a rilassare richiede in media quasi un’ora. Con un massaggio riflessogeno, possiamo ottenere il doppio risultato di calmare il dolore e di disintossicare velocemente l’organismo attraverso la stimolazione di tutti gli organi di eliminazione che espelleranno le tossine fuori dal corpo (organi emuntori: pelle, lingua, vescica urinaria, retto).

Nel caso dell’artrite reumatoide è possibile ottenere ottimi risultati con un programma di trattamenti costanti nel tempo.

Durante dette sedute, si stimoleranno oltre alle zone riflesse dirette (articolazioni e distretti muscolari contratti) la colonna vertebrale in toto, ma anche le ghiandole endocrine, il sistema linfatico e quello nervoso. E’ un disturbo l’AR che richiede nel corso dei trattamenti tempo e pazienza.

sistema endocrino e causa di artrite reumatoide

 

Quello che segue è tratto da MALATTIE REUMATICHE Associazione Italiana Reum Amici

I reumatici cronici che sono stati trattati hanno avuto tutti dei notevoli miglioramenti. Si cita di una giovane donna, che la mattina, all’idea di doversi alzare e mettere i piedi per terra, piangeva. Un giorno dopo alcuni cicli di sedute con la riflessologia plantare ed una dieta mirata ad evitare i cibi pro-infiammatori disse:

«Ora bacerei per terra ogni passo che faccio per il non dolore!».

Su cosa si basa il trattamento?

La terapia è basata soprattutto sul decongestionamento delle articolazioni. Prima cosa bisogna ottimizzare la funzione renale (con una manovra sul punto del rene e sui punti riflessi  di uretere e vescica urinaria) per permettere una rapida eliminazione di quanto sarà messo in movimento e riversato nel sangue.

Dove va eseguito

Devono essere massaggiati tutti e due i piedi. Si consiglia di iniziare sempre stimolando il piede destro per poi completare l’intera sequenza procedendo su quello sinistro.  In riflessologia plantare per la schiena come regola generale, ogni zona riflessa va trattata due volte, si deve procedere da un piede all’altro appunto per quasi un’ora.

Cosa produce questo tipo di massaggi?

Esamina quali esperienze positive hanno avuto queste persone dopo i trattamenti. Potrai raggiungere una pagina di destinazione in cui trovi descritti i metodi di terapia adottati per curare svariate malattie come l’artrite. Clicca pure su questo collegamento:

Esperienze: artrite curata con la riflessologia 

Massaggio delle zone riflesse e dolore percepito

Il fatto che il soggetto sottoposto a riflessologia accusi del dolore alla pressione esercitata sul piede è un fatto positivo perchè indica che la parte dolente è stata ben individuata nel corso del massaggio ai piedi.

E’ indispensabile un massaggio dolce sempre al limite dell’accettabilità del dolore. Il massaggio non deve essere “mai” doloroso, in nessuna circostanza. Dolore significa stress, contrazione, direzione opposta rispetto al rilassamento a cui tendiamo.

In quale zona agire? Quella corrispondente alla linea marginale dell’interno dei piedi. Come potrete notare da questa mappa indicante tutta la colonna vertebrale riflessa su entrambi i piedi.

 

mappa di riflessologia plantare per l'artrite reumatoide

Esecuzione del massaggio

Ecco come massaggiare a perfetta regola d’arte:

  1.  Fate mettere il vostro caro sdraiato sulla schiena
  2.  Se possibile nello scegliere la posizione frontale da seduti, portatevi con i gomiti in quota da terra all’altezza dei suoi piedi, affinchè il massaggio protraendosi nel tempo non vi causi eccessiva stanchezza
  3. Stimolate con la manovra del “lombrico” dolcemente il punto preciso del piede corrispondente alla schiena facendo dei movimenti lenti, continui, ma incisivi e senza superare la soglia del dolore accettata dal ricevente il massaggio
  4. Prestare attenzione ad ogni muscolo, in modo da percepire cosa state toccando, cosa avvertite e le eventuali rigidità presenti nel piede;
  5. Provare ad avvertire ogni messaggio anche psicologico oltre fisico che proviene dalla persona massaggiata
  6. L’andamento sarà dall’alluce fino al tallone continuando questo movimento per circa un quarto d’ora
  7. Visto che il dolore alla schiena risponde si protrarrà resistendo nel tempo, sarebbe consigliato eseguire il trattamento in riflessologia plantare per l’artrite reumatoide anche  quotidianamente.

Massaggiare le parti muscolate ed in maniera dolce ma con frequenza e ritmo veloce (se sono tumefatte, dure, fredde, bisogna ammorbidirle, scaldarle per renderle elastiche, capaci di adattarsi ai differenti movimenti articolari). Se c’è rigidità c’è dolore, il dolore limita i movimenti.

Riflessologia plantare zone riflesse del rachide sui piedi
Punti riflessi della Colonna vertebrale

Sia nelle mani, sia nei piedi, circondare l’articolazione con le dita, il movimento è pressorio dinamico, non dev’essere uno sfregamento superficiale, bisogna portare l’attenzione alla percezione della cartilagine. Sentire se è dura, elastica, lassa, gonfia, rigida, il massaggio si deve adattare al percepito, dev’essere sempre vissuto come liberatorio.

Esempio di massaggio per la schiena

Il seguente video tratto da Youtube, dimostra come trattare i punti della colonna vertebrale. Anche se il video è in inglese quello che dovrai imparare lo capirai guardando quali manovre si eseguono agendo lungo l’arco plantare:

Se le articolazioni sono rosse, infiammate, manifestazione di una riacutizzazione, devono essere massaggiate dolcemente all’inizio, il massaggio dopo può essere più profondo e determinato.

Articolazioni dure e fredde assolutamente devono essere scaldate. In queste circostanze viene consigliato di scaldare prima le mani adagiandole sul vapore di un pentolino d’acqua che bolle, evitando di ustionarsi.

Nel giro di pochi minuti, tre, quattro, le dita cominciano a distendersi, le mani ad aprirsi, appare miracolistico, il risultato non sarà molto duraturo, quindi dev’essere ripetuto, ma già evidenziare un cambio è un click che scatta nella testa, una nuova visione, una nuova opportunità significa cioè che:

«Se ne può venire fuori.»

Esperienze ed opinioni di chi ce l’ha fatta:

Cosa vuoi fare per te adesso? Quanto desiderio hai di guarire o quanto meno di provarci? Per ogni tua domanda di approfondimento contattaci. Ti risponderemo subito.

lorenzo naldi naturopata napoli

Se ti è piaciuto, al punto di seguirmi fin qui, non scordare di condividere quest’articolo con le persone che ami e che vorresti guarissero o alleviassero almeno i  loro sintomi.

Puoi farlo cliccando sui bottoni dei social network che preferisci. Ciao!

 

Scuola di Naturopatia per operare con i rimedi naturali

Queste cure naturali appartengono alla pratica quotidiana della Naturopatia ed ad una nuova e sempre più ricercata professione: quella del Naturopata per l’appunto. In Italia si può diventare Naturopata certificato a seguito di un protocollo formativo che prevede sia ore di scuola frontale che formazione diretta mediante praticantato certificato.

Per quanto riguarda la formazione del Naturopata, la Norma prevede una formazione post scuola secondaria di secondo grado costituita da un minimo di 1500 ore, di cui 400 di tirocinio clinico, ed elenca le aree di apprendimento (vale a dire le materie di studio previste per la formazione minima indispensabile secondo indicazioni Della Organizzazione Mondiale della Sanità).

A Napoli la scuola di Naturopatia può essere scelta tra un’Accademia di Naturopatia o una vera e propria Università Popolare di Naturopatia. Vuoi conoscerne le differenze? Per maggiori informazioni ed approfondimenti sul come si può diventare naturopati a Napoli, Salerno, Avellino, Caserta o Benevento, si può inviare una richiesta di informazioni compilando questo modulo contatti.

 

 

 

Ti piace questo blog? Dillo ad altri!
Vota e condividi nei social
[Total: 1 Average: 5]
Artrite reumatoide: rimedi naturali e Riflessologia plantare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error

Se ti piace condividi su

https://www.instagram.com/naturopata_napoli/